Facebook tra qualche anno? Ecco da chi sarà frequentato

Perdonatemi un po’ il click-baiting iniziale ma… Qualche tempo fa, imbarcatomi in un bellissimo corso di recitazione teatrale dall’età media decisamente meno stagionata dei miei mid-thirties, notavo quanto la fascia di età compresa tra i 16 e i 25 anni fosse incredibilmente sparita dai social.

Entrai su Facebook nel 2007, ai tempi della fine dell’università. In un paio d’anno diventò difficile trovare qualcuno che non avesse un account. Spammavamo foto delle nostre serate, giochi, video delle vacanze.

Poi, il deserto.

Oggi non facciamo che condividere post fatti da pagine specializzate come “Commenti Memorabili“, “Sii come Bill” o “Tua madre è leggenda“, senza quasi più condividere nulla di nostro.
Dieci anni dopo la sua diffusione planetaria, basta farsi un giro per qualsiasi pagina FB pubblica per trovare commenti di quaranta-cinquantenni incazzati verso il mondo, complottisti, condivisori di bufale, casi umani grammaticali e “webeti” in genere.

Pensavo fosse solo una mia erronea percezione e invece vedo che i sondaggi iniziano a confermare la mia ipotesi:

vncs

(FONTE: http://vincos.it/2014/01/27/i-10-anni-di-facebook-visti-italia-statistiche-social-network/)

Questo veniva scritto nel 2013, e la tendenza non è affatto invertita: allora Facebook tra qualche anno sarà frequentato da haters cinquantenni e disertato dai giovani, che lo stanno soppiantando per WhatsApp o Snapchat?

Eppure, se guardiamo i sondaggi più recenti, forse un po’ di ricambio generazionale c’è:

https://www.insidemarketing.it/italiani-social-network-si-dividono-le-varie-piattaforme/

Siamo  dunque condannati a vedere il nostro social preferito cadere in mano dei “buongiornissimi kafèèèè” o alla caterva di post con frasi banali sulle “perzone falze”?  E’ probabile, ma perché anche noi invecchiamo e tendiamo a sostare nel cerchio di conoscenze della nostra generazione, frequentando meno i luoghi di aggregazione virtuali dei giovani.

Come è probabile che il web, come tutti i non-luoghi, evolverà, crescerà, diverrà un’altra cosa.
E a quel punto la tecnologia ci farà di nuovo drizzare i capelli come quando ci fu chiesto per la prima volta di inserire nome e cognome VERI su Facebook e tutti ci spaventammo: ricordate? Fino a persuaderci a consegnare a Mark e co. i nostri più torbidi segreti, in cambio di una manciata di like.

Che ne pensate?

A presto!

Pubblicato da Lorenzo Fabre

Lorenzo Fabre è un blogger e scrittore genovese. Il suo racconto d'esordio "La pillola" è pubblicato nell'antologia Continuum Hopper (Della Vigna), vincitrice del Premio Italia 2017. Fabre è anche tra i vincitori del Premio Racconti Liguri 2017 e si è classificato secondo al Premio G. Viviani 2017 per racconti fantasy. Recentemente ha pubblicato racconti di fantascienza nelle antologie Sarà sempre guerra e Futura Lex. Tra le sue passioni, oltre la scrittura, c'è anche la recitazione teatrale, la storia e la scherma storica medievale, i videogiochi “con bella trama”, le serie televisive avvincenti quali Game of Thrones, Black Sails, Breaking Bad e The Walking Dead, e le scienze, con particolare attenzione a quelle mediche e biologiche. Per ogni altra informazione il suo sito è http://lorenzofabre.com.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: