L’ascesso di Skywalker

No: non è un errore di battitura. Star Wars è ormai un’infezione cronica del nostro corpo che dura da 42 anni. A volte ci fa più male che altro ma continuiamo a seguire la saga nonostante le delusioni di ben 5 episodi su 9: persino quelle perpetrate dal suo creatore Lucas, con i suoi eterni ritocchini a scene già perfette nel ’77. A volte, essere un fan di Star Wars mi sembra come la vita di un tifoso del Genoa: eternamente sconfitto, ma mai sottomesso. Questa è la mia opinione di Star Wars Episodio IX, che può essere riassunta con un vecchio adagio chirurgico: “ubi pus, ibi evacua” (*).

Sappiate che ne ho talmente le scatole piene degli Skywalker che offrirò abbondanti SPOILER.

(*) = dal latino: “dove c’è pus, allora asportalo”

La sindrome di GoT

Ciao, sono un prodotto che macina milioni ma devo riavviare il franchise, poi dargli una fine: non so bene come fare“. Sembra questo il dilemma di mamma Disney dopo aver speso 4 miliardi per comprare la Lucasfilm. Meglio puntare sul certo che sull’incerto: e allora prendiamo la vecchia trilogia classica, riscriviamo in parte la trama ma infiliamoci sostanzialmente lo stesso arco narrativo: un orfano con enormi poteri come il nonnino (aspetto un bello spin-off sul cognato del nipote di Qui-Gon e la zia della sorella di Darth Maul che si incontrano al Carrefour spaziale) si unisce a tre scappati di casa per contrastare il male perpetrato da un parente, di cui l’orfano è inconsapevole discendente. Guarda il caso i buoni ce la faranno e saranno pochissimi gli eroi principali a morire nel processo, giusto quelli più anziani: il cattivo diventerà buono e si sacrificherà alla fine. Se pensate che io abbia riassunto la trilogia classica, ora sapete che ho riassunto anche la nuova.

Passano due film, VII e VIII, tutt’altro che indimenticabili: il lento stillicidio gonadico che Lucasfilm ha riservato a uno dei fandom più esigenti del mondo già dagli albori è ingiustificabile. E improvvisamente J. J. Abrams si trova a gestire il finale di una ennealogia che NON può – per definizione – piacere che ai soli fan hard-core. Perché Star Wars ha degli aspetti religiosi, quasi dogmatici, per i quali non si accetta null’altro che la perfezione: o lo odi o lo eviti.

Ma ecco le esigenze di marketing: c’è tanta carne al fuoco e domande irrisolte. Perché non seguire l’esempio degli sceneggiatori del Trono di spade e infilare tutto a forza in un paio d’ore? Mettiamoci tutto quel che mancava. Dentro Lando, un penoso cameo di Wedge Antilles, addirittura le voci di Anakin e Ahsoka Tano di Clone Wars. Snoke era un cattivo poco carismatico. Allora riproponiamo Palpatine ma non introduciamolo gradualmente, no: ficchiamolo direttamente nei titoli di testa togliendo ogni sorpresa! Facciamo vedere nei primi 10 minuti un’immensa flotta di Star Destroyer Sith che avrebbe meritato la comparsa a metà film. Facciamo vedere la versione Starwarsiana del festival hippie Burning Man nel deserto del Nevada invece di qualche bel dialogo e mostriamo la coscienza integratrice di Rey.

Adesso basta: alla gente piacciono le devastazioni stile Marvel. Rendiamo la Forza un mero poteruncolo da supereroi: facciamo PalpaThanos che con un solo fulmine riesce a bloccare un’intera flotta: potere illimitatooooo! Esplosioni, cavalcate con cavalli fuori luogo, i soliti imperiali che non sanno mirare, personaggi secondari inutili come la tizia dei Daft Punk tanto per fare la fidanzarina a Poe o la selvaggia amazzone per sostituire Rose nel cuore di Finn. E mentre lo spettatore viene confuso da scene d’azione in rapida successione, non sacrifichiamo nessun personaggio tranne i vecchiardi e Canappia-Ren, interpretato forse dall’unico attore che riuscirà a fare qualche film decente.

Potrei andare avanti ancora ma la verità è che L’ascesa di Skywalker è forse uno dei peggiori Star Wars di sempre: stiamo parlando di livelli infimi peggiori di Episodio I che aveva perlomeno la sola colpa di essere troppo infantile, mentre questo non ha un’anima. Episodio IX è un trito di elementi ficcati dentro a forza nel tentativo di rispondere alle domande nella maniera più sciocca possibile, quella fantasia ormai distrutta da un prodotto che purtroppo, purtroppo, si vende da solo nonostante la bassa qualità e meriterebbe che il pubblico facesse uno sciopero ed evitasse di fare come ho fatto io: andare a vedere il film alla prima nonostante fosse nell’aria la poca ispirazione. Rimpiangiamo grandemente i due spin-off. Ha soltanto un paio di momenti degni di questo franchise, ma di fatto si tratta di un gulasch che non farà felici i fan più intransigenti.

Ma se c’è una cosa che Star Wars ci ha insegnato è che c’è sempre speranza. E questa speranza prende il nome di Rogue One, Solo, e il nuovo e pluriacclamato The Mandalorian. Per non parlare dei vecchi Clone Wars con l’ultima stagione alle porte e della futura serie su Obi Wan (e parliamone: ma a noi che ci frega di Cassian Andor?).

Ringraziamo le famiglie Skywalker e Palpatine per il loro contributo ma, al grido di “ok boomer”, adesso si levino dalle scatole. Largo al nuovo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.