Non scagliatevi contro gli sciacalli mediatici: anzi.

Ragazzi: non scagliatevi contro gli sciacalli mediatici. Anzi benedite che essi ci siano e scrivano.

Il giornalista che chiede “dove andrà adesso?” alla donna in lacrime. La cagnetta che si fa il selfie con l’hashtag “terremoto”. Il Renzimmerdista che dà la colpa al governo ladro.
Lasciate che parlino. Lasciate che sfoghino i loro intestini cerebrali allenati al bar sport virtuale. Lasciate che lodino il Dio dei vegani che punisce il guanciale croccante o quello cristianissimo anti-finocchi.

Davvero. Fateli parlare. Per tre ragioni:

  1. È meglio sapere chi siano, con nomi e cognomi, e che si espongano al ludibrio da soli, come fanno grazie alle pagine che li prendono in giro. E ci intrattengano come allo zoo, i nostri supereroi della tastiera. Forse non eroi della grammatica, a colpi di “aiutiamo le perzone teremotati che anno loro bisognio no gli migrati che stanno in otel cinquestelle e internet!!1!!1″
    Che si espongano, insomma.
  2. Non ci convincono neanche un secondo delle loro tesi complottiste bufalose, ma ci insegnano quello che non immaginano neppure: che “homo homini lupus”, molto meglio di quando lo studiavamo a scuola.
    La verità è che al grosso dell’umanità non frega niente degli altri esseri al di fuori della loro cerchia sommaria di conoscenza. Facciamocene una ragione. Quasi tutti passiamo con indifferenza su tragedie molto peggiori di questa, lunghe decenni, solo perché ci separano più chilometri.
    Quindi non aspettatevi che alla cagnetta e al Renzimmerdista importino i morti sotto le pietre: per loro è un dì di festa, in cui avere un pretesto per passare il tempo e dare la colpa a qualcuno, purché si dia, oppure ottenere like.

  3. Impariamo a conoscere queste persone che generosamente danno il loro inutile contribuito mettendoci la faccia: perché quello che dà fiato alla bocca mentre è in casa al sicuro, è molto meno pericoloso di quelli che si bagnano le labbra di profumo di solidarietà e poi intascano, omettono, usano per ottenere voti o consenso.
    Costoro sono anche peggio di quelli che rubano fisicamente nelle case sventrate, che sono soltanto ladri accattoni: cosa vi aspettate da loro? Che “almeno non rubino ai terremotati”? Benevolenza ed etica professionale? Lupin III esiste solo nei fumetti.
    E il ladro in giacca e cravatta non è migliore del tipo con il passamontagna.

Di chi è evidentemente ottuso non mi curo: fa poco danno e si sa chi sia. Di questi sciacalli silenziosi, invece, non sapremo i nomi fino a che non li becchiamo, come i famosi fregamani entusiasti per le prospettive economiche della ricostruzione, intercettati dopo L’Aquila.

Mi fa più paura lo sciacallo che non si palesa, del coglione da tastiera. Viva il coglione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...