Guida per un viaggio in Andalusia

Granada

Granada - la Alhambra
Granada – la Alhambra

Granada è una gemma dell’Andalusia: non va persa per nessun modo. Si può vedere in due giorni pieni (correndo).

  • Da vedere assolutamente: la fortezza della Alhambra, abarbicata sulla collina omonima, insieme al palazzo di Generalife, la residenza estiva. Il tutto richiede mezza giornata piena di visita e un sacco di cammino. Prenotate i biglietti su internet almeno 1 mese prima o rischiate di non vederla, ricordando che il biglietto vale per tutta la mattina o tutto il pomeriggio o la sera, ma che per entrate nei Palazzi dei Nazaridi dovrete prenotare l’orario preciso di ingresso e se non siete in coda per quell’ora davanti alla porta, non vi faranno entrare più. E ho visto gente rispedita indietro per 10 minuti di ritardo. Una volta entrati dentro, potete stare quanto volete. La Alhambra è l’unica cosa da prenotare online: il resto si vede senza code particolarmente lunghe, anche nelle altre città. Ricordatevi che per ritirare il biglietto vi serve la carta di credito/debito con la quale lo avete pagato!!!! Se disgraziatamente l’avete persa, vi serve un foglio della banca con scritto il possessore e il numero di carta, e un vostro documento. Fatene stampare uno per prudenza prima di partire (noi ci siamo portati una copia del contratto della carta di debito, perché è stata purtroppo clonata tra la prenotazione e la vacanza). Comunque è spiegato sulla FAQ del sito. Prenotate inoltre dal sito ufficiale perché se no potreste pagate di più (a volte vi rifilano le visite guidate senza essere chiari, quindi pagate la guida).
  • Da vedere poi è il quartiere arabo di Albayzin, sulla collina di fronte alla fortezza. Giratelo verso l’ora del tramonto e arrivati in piazza……………….. potrete gustare una vista fantastica sulla fortezza (occhio ai borseggiatori, che qui pare che siano da campionato del mondo).
  • Se avete ancora un giorno potete passeggiare per il quartiere ebraico di Realejo (dove mangiare qualcosa) e vedere la Capilla Real dove sono sepolti i Re Cattolici Ferdinando e Isabella, coloro che garantirono a Colombo il finanziamento per il viaggio in America.
  • Se volete vedere un po’ di Flamenco, provate a Cueva Los Tarantos, a Sacromonte. Per una trentina di euro con consumazione potrete assistere!
  • Curiosità: dal Convento di San Bernardo potrete acquistare i biscotti fatti dalle monache di clausura, che ve li consegneranno attraverso un pittoresco passavivande! 🙂

ALLOGGIO: noi abbiamo provato l’Hotel Alixares, attaccato alla Alhambra. Lo abbiamo ribattezzato “l’hotel dei peli” per la pulizia inesistente delle sue camere, vecchie e mal distribuite. E’ un 4 stelle per finta: arriva a stento a 3, ma costa poco e ha una ottima piscina per le ore più calde. Ha un parcheggio che nel caso sia pieno è convenzionato con quello della Alhambra. Se provate ad arrivarci col navigatore, impostate un tracciato che passi fuori città da sud, o troverete delle ZTL ad attendervi. Colazione a buffet nei limiti dello standard.

CIBO: evitate i locali turistici: non si paga tanto e si mangia malino; ce ne sono un po’ nelle vicinanze del municipio, ma li riconoscete subito dai buttadentro. Per mangiare noi vi consigliamo tapas e raciones alla Bodega Castaneda, sotto la collina dell’Albayzin. Attenti a non confonderlo con la Antigua Bodega Castaneda, come dice la Lonely Planet, lì vicino.

Siete pronti per Cordova? Allora via con la prossima pagina!

Pubblicato da Lorenzo Fabre

Lorenzo Fabre è un blogger e scrittore genovese. Il suo racconto d'esordio "La pillola" è pubblicato nell'antologia Continuum Hopper (Della Vigna), vincitrice del Premio Italia 2017. Fabre è anche tra i vincitori del Premio Racconti Liguri 2017 e si è classificato secondo al Premio G. Viviani 2017 per racconti fantasy. Recentemente ha pubblicato racconti di fantascienza nelle antologie Sarà sempre guerra e Futura Lex. Tra le sue passioni, oltre la scrittura, c'è anche la recitazione teatrale, la storia e la scherma storica medievale, i videogiochi “con bella trama”, le serie televisive avvincenti quali Game of Thrones, Black Sails, Breaking Bad e The Walking Dead, e le scienze, con particolare attenzione a quelle mediche e biologiche. Per ogni altra informazione il suo sito è http://lorenzofabre.com.

One thought on “Guida per un viaggio in Andalusia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: