Guida per un viaggio in Andalusia

Ronda

Ronda - il Ponte Nuovo
Ronda – il Ponte Nuovo

No, non siete in una puntata di Zorro: Ronda è costruita su un canyon che la rende unica. E’ un piccolo centro dove si respira davvero l’aria di provincia. Non fate l’errore di “snobbarla” i paesaggi qui sono davvero belli e le sue viuzze suggestive.

Basta mezza giornata abbondante per Ronda ma due cose non le dovete perdere:

  • La Casa del Rey Moro e la Mina: sono i sotterranei della vecchia fortezza araba che dalla città vecchia vi portano, attraverso una scalinata da 200 scalini alti come Schwarzenegger, fino in fondo alla gola che vedete nella foto, dove scorre il fiume! Imperdibile davvero. Sopra, vi sono dei giardini carini abitati anche dai pavoni (a cui alcuni turisti rompono i c***ioni di continuo per le foto… Povere bestie). Noi stavamo per perdercelo, non fate questo errore (lo ha visitato anche Michelle Obama)!
  • La città: Ronda è bella da girare a piedi attraverso i ponti che la separano, dove farete delle foto veramente notevoli: vi dà un’ottima idea della provincia spagnola.

CIBO: questa volta parlo prima del cibo, perché purtroppo per l’alloggio dovrò entrare in modalità lamentela. Abbiamo cenato dalla Taberna de Antonio: locale dove mangiano i locali e che infatti è contenutissimo nei prezzi e nel menu (tapas a 1 euro)! Carino davvero.

ALLOGGIO: e qui viene il nostro errore principale nella prenotazione degli alberghi. Volevamo una hacienda alla Zorro (anche se Zorro è ambientato in Messico, ma va beh), quindi abbiamo prenotato l’hotel Rural el Cortijo. Mamma mia che esperienza.
Intanto preciso che il personale era squisitamente gentile, specialmente il ragazzo della reception che ci ha dato informazioni preziose su cosa fare: solo per questo non abbiamo piantato eccessivi casini.
All’arrivo ci hanno messo in una dependance esterna la cui camera era sì, pulita, ma isolata e spoglia, con una grossa fessura sotto la porta dalla quale, a giudicare dai corpicini, entravano molti insetti.
Ci siamo fatti cambiare la camera ed è andata ancora peggio. Stavolta siamo stati messi nella struttura principale, quella alla Zorro, appunto: il problema era l’igiene suggestivo proprio di quei tempi!!! Il letto era marmo di carrara; nella stanza, una mansardina, si moriva di caldo e non si poteva accendere l’aria condizionata (che era “programmata” secondo il concierge) e il ventilatore presente ondeggiava minacciando di staccarsi dal soffitto. Per finire, coperte e pavimento erano cosparse di peli, capelli e anche una bella caccolona incrostata sul cuscino. Per non dire che non c’era manco lo spazio per aprire la valigia. La piscina non l’abbiamo neanche vista di striscio: come minimo ci nuotavano i caimani.
Fatta una notte lì, la mattina dopo abbiamo chiesto di lasciare l’albergo e ci hanno quindi fatto pagare solo quella notte, nonostante la prenotazione di due notti. Il ragazzo della conciergerie era così dispiaciuto che ci siamo quasi sentiti in colpa…

Per questo non siamo stati due giorni a Ronda ma ci siamo diretti a Malaga!

Pubblicato da Lorenzo Fabre

Lorenzo Fabre è un blogger e scrittore genovese. Il suo racconto d'esordio "La pillola" è pubblicato nell'antologia Continuum Hopper (Della Vigna), vincitrice del Premio Italia 2017. Fabre è anche tra i vincitori del Premio Racconti Liguri 2017 e si è classificato secondo al Premio G. Viviani 2017 per racconti fantasy. Recentemente ha pubblicato racconti di fantascienza nelle antologie Sarà sempre guerra e Futura Lex. Tra le sue passioni, oltre la scrittura, c'è anche la recitazione teatrale, la storia e la scherma storica medievale, i videogiochi “con bella trama”, le serie televisive avvincenti quali Game of Thrones, Black Sails, Breaking Bad e The Walking Dead, e le scienze, con particolare attenzione a quelle mediche e biologiche. Per ogni altra informazione il suo sito è http://lorenzofabre.com.

One thought on “Guida per un viaggio in Andalusia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: